mariadipietro

Finché c'è la luce e il giallo

Il giallo è il colore più prossimo alla luce.
(Goethe)

I pensieri del giorno si dissolvono in scie di luce. Leggeri, si riempiono di musica... danzano su un filo sottile, tra l’allegria del tuo vestito e il silenzio della tua anima.
Una festa.

© 🄼🄰🅁🄸🄰🄳🄸🄿🄸🄴🅃🅁🄾
www.mariadipietro.eu
infomariadipietro@gmail.com

5CAE8114_BDFA_43EF_A8F6_06D73BB2D7C0.jpeg905E9963_1104_4__B9A1_6272CCF318D0.jpegED8EE7BD_63F5_44AE_A6B2_D92A9FF21E81.jpegA02FDB89_37F6_4F82_A1E8_4263908D829A.jpeg5E7BEE40_D325_45C9_BE81_42713D87D0ED.jpegC796A3B0_EC81_4B73_80C7_74BADCB998EC.jpegCDE6AEAB_D5ED_4ADE_950A_F0B22F8565A7.jpegED0EAEE0_0A76_492B_A829_A243299A7D3F.jpeg

La quiete di Firenze...

Adoro questa piazza, ci passo ore a guardarla seduta sotto i porticati.
Basta avvicinarsi ai due palazzi gemelli, passeggiare lungo la stradina che incornicia la cupola di Brunelleschi e sentire la folla.
Qui c’è la quiete, io, le voci intorno, il vento lieve e il suono dell’acqua che sgorga dalle fontane.
Se venite a Firenze, fermatevi qui almeno per un po’, dove gli ideali della città rinascimentale si colgono tutti.
Piazza Santissima dell’Annunziata,
Firenze.

© 🄼🄰🅁🄸🄰🄳🄸🄿🄸🄴🅃🅁🄾
www.mariadipietro.eu
infomariadipietro@gmail.com

DC99C491_325F_408E_9713_027BDD57AB5C.jpeg368F15CC_3FDA_4F33_A696_8B5F9C55CFE7.jpeg323C4D76_9389_4B52_9699_50AE650A042B.jpegE3D8A760_9D6F_48EE_A958_9C54CBEC8351.jpegunnamed.jpgF4AAE67E_6A1C_435A_8F64_A3B031F924C8.jpegD3E6FCAA_8FC3_42F1_8774_D9CA7C607371.jpeg734C2F1E_01D0_4A24_9C5E_160C26BD40CD.jpeg

Il David


"...Nella fotografia l'immagine non ha materia, peso, spessori di manipolazione, "corpo" sensibile: l'immagine non risulta "reincarnata", come nella pittura, e quindi non può comunicare una "sostanza": non è una reincarnazione, ma uno spettro, una larva: non è una realtà ulteriore rispetto alla realtà prima, ma solo l'impronta della sua realtà prima, un'apparizione, un fenomeno di riduzione ottica. Non registra tanto l'imminenza del fatto che ritrae, quanto la sua distanza, e fa sentire la sua assenza. Sollecita un desiderio, non lo può soddisfare. (...) Ciò che comunica, in ultima analisi, credo sia proprio la febbrilità e il moltiplicarsi del desiderio in un mondo sempre più distante da se stesso"
Maurizio Calvesi



Galleria dell'Accademia, Firenze
Il divino Michelangelo.

Particolare del David.
© 🄼🄰🅁🄸🄰🄳🄸🄿🄸🄴🅃🅁🄾
www.mariadipietro.eu
infomariadipietro@gmail.com

42849552_2496519690374783_27388_21995694080_n.jpg42907337_2496507590375993_4200644088988434432_n.jpg42859861_2496519427041476_1402596139730993152_n.jpg42911020_2496517450375007_7718108303095496704_n.jpg43075336_2502158496477569_9166871518737596416_n.jpg42879981_2496699040356848_6052748422132269056_n.jpg43110253_2499826213377464_2580267470690451456_n.jpg42861242_2496815603678525_8358365559015866368_n.jpg

search
pages
Share
Link
https://www.mariadipietro.eu/diario_visivo-d
CLOSE
loading